Provincia di Trieste

Provincia di Trieste
  • Home
  • / ...
  • / Pianificazione Territoriale e Progetti...

Pianificazione Territoriale e Progetti Europei

Cisterne_Glinca

Conclusi i lavori del terzo lotto del percorso Gemina. L’inaugurazione sabato 9 aprile

La Provincia di Trieste presenta il terzo lotto del percorso Gemina concludendo così nei tempi stabiliti il cantiere legato alla realizzazione dell’itinerario naturalistico. “Sono particolarmente lieta di annunciare la conclusione del terzo lotto di lavori – ha detto Maria Teresa Bassa Poropat, Presidente della Provincia di Trieste – e di restituire al territorio un itinerario di sicuro interesse naturalistico, culturale e turistico, ampliato rispetto al progetto iniziale”. Il progetto infatti, realizzato con il contributo della Fondazione CRTrieste e con i fondi derivanti sia dal Programma di Sviluppo Montano che del Piano regionale Straordinario,  ha interessato una porzione di territorio più ampia di quella inizialmente ipotizzata. “Si è concluso un iter difficoltoso sotto il profilo burocratico-amministrativo – ha detto Igor Dolenc, vice presidente della Provincia di Trieste – che oggi ha portato a uno tra i più bei tracciati ciclabili che attraversa il Carso rurale.

Grazie al coinvolgimento dei proprietari e alla collaborazione delle cooperative in loco, è aumentata la superficie praticabile a tutto vantaggio di pedoni, amanti delle biciclette e delle passeggiate a cavallo”.  E’ stata inclusa una dozzina di itinerari in più e tra questi la cima del monte Lanaro, sentiero che si inserisce nella rete dei percorsi alpini e entra di diritto nel sistema escursionistico regionale grazie al contributo del CAI regionale. “La Fondazione CRTrieste ha creduto sin dall’inizio nel progetto Gemina - ha affermato Lucio Del Caro, vice presidente del Consiglio di amministrazione della Fondazione CRTrieste – nella convinzione che simili progettualità siano positive e costruttive per la comunità e per un rilancio del territorio in termini turistici”.

Si conclude così un iter avviato, per il terzo lotto, nel 2014 nel corso del quale oltre ai tracciati principali si è provveduto al  ripristino delle cisterne, degli stagni e degli  abbeveratoi ed è stata adottata la segnaletica turistico- informativa di riferimento. “Il percorso Gemina, nato dall’efficace sinergia tra soggetti pubblici e privati – ha concluso Gianni Torrenti, assessore alla cultura della Regione Friuli Venezia Giulia - consente al visitatore di fruire delle bellezze paesaggistiche del territorio. E’ un itinerario che connette la città al Carso e valorizza la conoscenza dei tanti e specifici aspetti naturalistici di questa regione dove dall’incontro delle montagne con il mare si ritrovano tanti tasselli della storia e della cultura di un’area al centro dell’Europa”. Attraverso la raccolta di manifestazioni di interesse sono stati individuati poi  i soggetti che si sono degli interventi sul verde e dell’adeguamento del tracciato:  la cooperativa sociale – Onlus Agricola Monte San Pantaleone e il Club Alpino Italiano – Regione FVG – Commissione Giulio Carnica Sentieri, Rifugi e opere Alpine. I comuni di Sgonico/Zgonik e Monrupino/Repentabor e la comunella Jus-Vicinja Srenja di Rupingrande-Repen risultano essere i proprietari delle aree interessate dal progetto, ove l’Associazione Tutori Stagni e zone umide del FVG si è dichiarata disponibile ad intervenire volontariamente nelle attività. Il terzo lotto del percorso Gemina ha un costo complessivo di 304.000,00 euro, 40mila dei quali stanziati dalla Fondazione CRTrieste.

 

 

 

Sabato 9 aprile alle ore 12 è prevista l’inaugurazione del percorso, presso la Porta del Carso, ma la giornata di festa inizia prima:  alle 9.00 infatti, l’appuntamento è nella piazza principale di Repen da dove avrà inizio un vero e proprio itinerario a tappe aperto alla cittadinanza.  E’ prevista una visita guidata agli stagni di Draga e Mocilo, alla cava di Petrovizza e alla fattoria didattica e una sosta dedicata al birdwatching nel punto di osservazione di località Dol pri Mocilu. Dopo la cerimonia di inaugurazione, l’escursione prosegue lungo Gemina verso Col, il Sentiero dei Poeti, la Rocca di Monrupino e la visita guidata allo stagno Glinca.Tutte le visite sono curate dal CAI - Commissione Giulio Carnica sentieri, rifugi e opere alpine e dall’Associazione regionale Tutori stagni. La fattoria didattica viene allestita dall’Azienda agricola Marucelli e il birdwatching è a cura della Cooperativa sociale onlus Agricola Monte San Pantaleone.

 

 

 

Il programma/invito dell'evento è disponibile al link: