Provincia di Trieste

Provincia di Trieste
  • Home
  • / Provincia
  • / Comuni del Territorio

Provincia Comuni del Territorio

pts1

Uno sguardo al contesto

Territorio e popolazione. Il territorio della provincia si estende per 211,8 kmq e comprende i  comuni di  Duino-Aurisina/Devin Nabrežina, Monrupino/Repentabor, Muggia, San Dorligo della Valle/Dolina, Sgonico/Zgonik e Trieste che è comune capoluogo.
Dal punto di vista morfologico, climatico e agricolo il territorio è classificato come zona altimetrica collinare litoranea, con presenza di rilievi inferiori ai 700m di altitudine e interessata dall’azione moderatrice del mare sul clima.

 

Trieste è l’ultima tra le 110 province italiane per superficie territoriale e numero di comuni, l’81esima per popolazione residente (rilevazione Istat 31.12.2010), pari al 19,2% del totale regionale. Nel corso degli anni le caratteristiche territoriali hanno influenzato sia lo sviluppo economico sia quello demografico della provincia, aspetti a loro volta interconnessi, determinando una struttura della popolazione estremamente anziana. Trieste non è solo la provincia con il maggior indice di vecchiaia in regione è anche quella italiana per la quale il valore dell’indice è più alto.
Contemporaneamente la caratterizzazione urbana del territorio fa sì che esso attragga flussi di persone straniere che hanno determinato, in anni recenti, un miglioramento dei bilanci demografici che dopo molto tempo, nel 2009 e nel 2010, hanno presentato contenuti saldi positivi.


La distribuzione dei servizi pubblici a scala sovra-comunale evidenzia come la maggior parte degli stessi sono ubicati nelle aree fortemente antropizzate corrispondenti alla città di Trieste. E’ interessante notare che soprattutto le attrezzature e servizi destinati ad università, ricerca, e alla sanità investono aree rilevanti tali da poter essere considerate come sistemi strutturanti il territorio. In questo contesto quanto sta avvenendo nel Comprensorio di San Giovanni, dove è chiara e condivisa l’apertura dell’area non solo agli enti interessati ma all’intera cittadinanza, è un segnale reale e positivo di apertura verso il quartiere, elaborando anche un diverso rapporto e fruizione con il mondo dell’istruzione e del produttivo.
Una particolare attenzione va data alle attrezzature militari dismesse che per la loro notevole dimensione e particolare ubicazione rappresentano una riserva di volumi e superfici utili a ripensare la dislocazione di attrezzature a scala sovracomunale, soprattutto per quanto concerne l’Istruzione Superiore e, l’Università e la Ricerca. Analogo discorso può esser fatto anche per l’area del Porto Vecchio.

 

Economia. L’analisi dei principali indicatori economici evidenzia come, nonostante la fase di difficoltà attuale, la realtà triestina sia ancora oggi su livelli superiori alla media nazionale, ciò in ragione del peculiare tessuto produttivo e di alcuni elementi strutturali sul fronte delle decisioni di consumo/risparmio della popolazione triestina derivanti dalla sua particolare struttura demografica.

 

Il sistema dei trasporti e la viabilità Il sistema portante è rappresentato dalla grande viabilità dalle strade statali e provinciali, in raccordo col sistema autostradale nazionale ed internazionale e con le varie intersezioni alla viabilità statale minore e provinciale, l’accessibilità alle aree produttive, di servizio, e residenziali. La dotazione infrastrutturale ferroviaria è notevole, anche se negli ultimi anni si è assistito a un progressivo sottoutilizzo o dismissione di alcune tratte. Il trasporto pubblico interessa tutto il territorio provinciale, e il servizio si svolge sia su strada che per mare, con molte fermate che consentono all’utente di raggiungere tutte le località dei Comuni. Attualmente la Provincia, per ampliare i servizi offerti alla cittadinanza, opera oltre che con il gestore Trieste Trasporti anche con APT.

Ultimo aggiornamento: Thu Nov 22 10:51:47 CET 2012